Tag: angela caputi

Mi sono persa tra le vetrine di Miu Miu, Angela Caputi, Chanel, Tiffany&Co….

I ritardatari staranno correndo a destra e a sinistra per recuperare gli ultimi regali o per inventarseli. Vi consiglio di dare un’occhiata da Sephora perché riuscirete a far bella figura grazie alla creatività del marchio, da Zara perché i nuovi maglioni non sono niente male, in libreria (non si sbaglia mai) o al cinema? Un biglietto del cinema o di qualche mostra è sempre gradito (a casa mia nessuno ha mai recepito questo mio desiderio…) quindi buttatevi!
Oggi volevo mostrarvi qualche scatto (perdonerete la qualità) di qualche vetrina di Firenze giusto per farvi trascorrere qualche minuto in totale relax. Ho immortalato Angela Caputi (tutta in rosso), Miu Miu, Tiffany&Co., la Rinascente, Chanel (è sempre avanti, già in collezione primavera estate 2013) e Louis Vuitton.

Vetrina Louis Vuitton Firenze
Louis Vuitton
Vetrina natalizia di Tiffany&Co
Tiffany&Co.
Vetrina Miu Miu Firenze
Miu Miu
Chanel vetrina a Firenze collezione PE 2013
Chanel
Vetrina di Angela Caputi a Firenze per Natale
Angela Caputi
La Rinascente natalizia a Firenze
La Rinascente

Se vedete una svitata che si ferma a fare fotografie ovunque per le strade fiorentine, ecco quella sono io!
Valinautoironica

TAGS

Un mistero chiamato Angela Caputi

Credo che questo sia il terzo o quarto post che dedico ad Angela Caputi. Ho notato dalle statistiche che continuate a cercarla così assiduamente che mi sono quasi preoccupata!
Non so perché ma quando penso ad Angela Caputi e alla vostra disperata ricerca mi vengono in mente i primi film con Michael Douglas e Kathleen Turner:  ”All’inseguimento della pietra verde” o “Il gioiello del Nilo” entrambi con Danny DeVito. Capolavori di un tempo che fu.
Per rimanere in tema mi viene in mente un cartone di inizio anni novanta, “Il mistero della pietra azzurra” trasmesso dallo storico Bim Bum Bam, opere d’arte mai più riproposte (se penso ai cartoni che guardano oggi le mie nipotine i miei capelli si tingono di bianco!).
Dopo questo soliloquio anni ottanta/novanta arriviamo a noi. Sono stata da Angela Caputi in Borgo SS. Apostoli 44 a Firenze e se avessi saputo avrei scattato più foto… So che molti di voi sono interessate al famoso bracciale a catena e infatti prometto di tornarci per cogliere maggiori informazioni anche se il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno alle 40 euro.
Questa volta vi propongo foto scattate con il mio telefono e spero in qualche modo di poter sciogliere questo nodo del mistero.

Angela Caputi orecchini turchese estate 2012 Angela Caputi orecchini tondi estate 2012
Angela Caputi orecchini collane rosse estate 2012 Angela Caputi orecchini bianchi estate 2012
Angela Caputi gioielli estate 2012 Angela Caputi collana turchese estate 2012
Angela Caputi bracciale corallo turchese estate 2012 Angela Caputi borsa estate 2012

Any Questions?
Valinautoironica

TAGS

Voglio la borsa rossa Paula Cademartori di Elena Braghieri

Quando una nonna o una mamma o chi per loro prepara un dolce è quasi inevitabile attraversare il corridoio, inebriati dal profumo, approdare in cucina e dare un’occhiata all’opera sperando di poterne assaggiare almeno un po’. E’ istinto, è magia. Forse è come quando leggi un libro e quelle pagine ti rimarranno per sempre nella mente, o come quando esci dal cinema e stai ore ed ore a immaginarti nel ruolo della protagonista, è magia.
Per caso mi sono imbattuta in questo blog (http://www.catchinginstants.com/), che poi ho scoperto appartenere a Elena Braghieri, fotografa biondina tutto pepe dotata di gioielli targati Angela Caputi, e alcune delle sue fotografie mi hanno stregata perché sono contagiose: potenzialità rara di questi tempi. Instagram anche questa volta mi ha aiutata, da brava Sherlock, tra le sue foto ho trovato una borsa che vorrei facesse parte di cabinarmadio.

Paula Cademartori borsa collezione autunno inverno 2012-2013

La borsa rossa in questione è realizzata dalla designer brasiliana Paula Cademartori. Funzionalità e glamour, gusto classico ma moderno. Lei è un’emergente, forse non più a questo punto, e mi piace perché credo abbia un occhio di riguardo verso i gusti della donna comune: quella che si fa un gran “mazzo” e che sorride mentre si spazzola i capelli allo specchio.
Sono arrivata in cucina, Elena Braghieri mi ha fatto percorrere il corridoio e la torta che ho trovato è stata fatta da Paula Cademartori.
C u soon,
Valinautoironica

TAGS

Un granchio tra Miu Miu e Angela Caputi

Dicono che Giacomo Leopardi, per scrivere uno dei suoi poemetti satirici, avesse usato un poema epico greco intitolato Bratracomiomachia nel quale i granchi, dati per sconfitti, eliminavano i topi dando quindi la vittoria alle rane. In realtà questa rappresenta una semplice curiosità e non ho idea di quanto possa essere attendibile.
Il granchio nei sogni dovrebbe indurci a riflessioni o domande sul nostro modo di proporci agli altri e in cucina ci fa sognare, o almeno può essere utilizzato in piatti completamente diversi.
Miu Miu, come già vi avevo mostrato, utilizza il mare e i suoi abitanti per creare sandali gioiello unici in grado di poterti accompagnare a ogni evento. Angela Caputi ci sta facendo diventare matte con i suoi capolavori forse anche per le poche immagini messe a disposizione dal suo sito.
Cosa hanno in comune Miu Miu e Angela Caputi?

Miu Miu sandali gioiello granchio estate 2012 Angela Caputi bracciale granchi

I granchi! Un granchio sui sandali rasoterra di Miu Miu per questa primavera estate 2012 e in un bracciale di Angela Caputi come charms.
Buon venerdì!
Valinautoironica

TAGS

Le collane di Dannijo sarebbero piaciute a Virginia Woolf?

Impossibile non notare in questi ultimi mesi l’affluenza di braccialetti che ricoprono la pelle nuda di moltissime ragazze e non oso pensare a cosa succederà con l’arrivo dell’estate…
Angela Caputi e Cruciani sono forse alcuni dei nomi più conosciuti e a questo punto, mi duole dirlo, anche tra i più “scontati” malgrado la bellezza del chain bracelet della Caputi…
La fluo mania ci ha circondati tanto quanto la neon mania (ancora non ho ben capito la differenza tra le due) e questi bagliori hanno condizionato tutto il panorama jewelry al punto tale che ho cercato di immaginarmi, da povera pazzoide quale sono, come li avrebbero indossati una Virginia Woolf, una Margaret Thatcher, una Jane Austen. Non ci riesco proprio, impossibile no?
Ho scelto una meravigliosa collana a “bavaglino” di DANNIJO composta da cristalli neon che io trovo veramente deliziosa come tutte le sue creazioni.

Collana cristalli neon Dannijo

Mi piaceva mostrarvi un marchio meno “cliché” e mentre mi gusto l’ultimo sorso di caffè non posso far a meno di immaginarmi Virginia Woolf. È seduta al tavolo di legno e sta guardando fuori dalla finestra con i capelli raccolti, e tra una riga e l’altra, si sta toccando la sua collana dai cristalli neon.
Valinautoironica

TAGS

L’elefante di Angela Caputi mi aiuterà?

Ho bisogno di un portafortuna anche se io credo poco alla fortuna. Credo invece nell’arte di far girare la ruota delle occasioni nel verso giusto ma per dare una grande “spinta” ci vuole molto impegno. Trovare il lavoro giusto, il ragazzo giusto, la suocera giusta, l’amica giusta, la borsa giusta non richiede l’impiego di molte energie? Per la borsa no… ci vogliono solo molti soldi! Poi sappiamo tutti che per il resto i soldi non servono a niente e credetemi è un bene!
Non voglio divagarmi troppo, finirei per diventare pedante e lungi da me rovinare questo giornata di rientro!
Ho scelto come portafortuna di cabinarmadio (almeno per il momento), l’elefantino di Angela Caputi perché mi “ronzava” nella testa da un bel po’ (forse lo stiamo vedendo troppo spesso nel web!) ma la sua storia nasce a Firenze dove io vivo e quindi volevo rendergli omaggio.

angela caputi bracciale con elefante

Vi assicuro che per trovare una foto del bracciale ho dovuto cercare tantissimo e alla fine per mostrarvi il “famoso” elefante ho beccato qualcosa sul famoso Instagram.
Ho un bisogno disperato di far girare la mia ruota personale, forse adesso con l’elefante…
Valinautoironica

TAGS

Il mio lunedì è rock con Forever 21

Da piccola guardavo sempre “Magica Emi“, un cartone di fine anni ottanta, dove la protagonista si trasformava in una maga dai capelli celesti e per farlo utilizzava uno strano braccialetto (era “strano” come sottolinea la sigla italiana). Io adoravo quel braccialetto, me ne ero perdutamente innamorata al punto tale che avevo acquistato il giornale di Barbie che regalava un facsimile. Adesso non starò qui a raccontarvi quanti giochi mi sono inventata portandolo al braccio e le brutte figure che ho fatto davanti a parenti più o meno stretti, è inevitabile non notare in questa primavera l’uso “maniacale” di bracelets. Partiamo da quelli con i teschi, a quelli di Cruciani, a quelli più costosi di Hermès, quelli fatti a mano, quelli fluo o neon, quelli di Angela Caputi fino ad arrivare a quelli un po’ più rock, gli stud e spiked bracelets. Ho scelto per cabinarmadio, per iniziare la settimana con grinta, due bracciali di Forever 21.

Forever 21 bracciali con spuntoni

Ho forse esagerato? Louboutin li applica anche sulle décolleté!
Have a rock Monday!
Valinautoironica

TAGS

Il bracciale di Angela Caputi sfata un mito

I bracciali sono fondamentali perché impreziosiscono il nostro braccio caricandolo di molteplici significati. Mi spiego meglio. Il bracciale può essere scaramantico, portafortuna, ricorda un viaggio, un amore, un’amicizia, un evento (vedi Marni for H&M), una serata (quelli per entrare e uscire dai locali), un momento che fu. Un mio vecchio post portava questo titolo “Osare con un bracciale” e arricchiva la mia cabinarmadio di un meraviglioso bangle targato Chanel ma questa volta ho come l’impressione che la mia lieve ossessione venga soddisfatta solo da gioielli in plexiglas. Colori fluo e forme squadrate per vivacizzare questa primavera e per preparare il tappeto rosso, accogliendo in maniera plateale l’estate.
Ho scelto i bijoux di Angela Caputi anche per esaltare la mia amata Firenze proprio perché lei ha intrapreso la sua carriera in un prestigioso laboratorio nel centro storico della mia città adottiva. Plastica e materiale sintetico formano un bracciale a catena che non può passare inosservato!


Inoltre vorrei sfatare il mito dell’uomo che arriva in casa la sera e per “accontentare” la moglie le regala una bella scatola lunga con un bracciale (lo stesso Don Draper in Mad Men regala un orologio bracciale alla sua immacolata casalinga)… Primo, le donne da sposare sono terminate e secondo, come regalo è fin troppo démodé, no?

Valinautoironica

TAGS